Esclusive Massimiliano Scaglia (Foto Ivan Benedetto)


Massimiliano Scaglia (Foto Ivan Benedetto)
Pubblicato il 8 giugno, 2017 12:30 | by Michele Balossino

0

ESCLUSIVO – Pro Vercelli, Scaglia: “Vogliamo crescere ancora”

PRO VERCELLI INTERVISTA ESCLUSIVA MASSIMILIANO SCAGLIA / VERCELLI – Oggi vi riproponiamo integralmente l’intervista esclusiva a Massimiliano Scaglia, ex capitano ed attuale Responsabile del Settore Giovanile della Pro Vercelli. Ecco le sue dichiarazioni, pubblicate sul numero cartaceo di Magica Pro di sabato scorso.

 

PRO VERCELLI, L’INTERVISTA ESCLUSIVA A MASSIMILIANO SCAGLIA

Buongiorno Massimiliano. Da pochissimo si sono conclusi tutti i campionati delle varie formazioni giovanili: che stagione è stata per le squadre della Pro Vercelli?

Il nostro obiettivo era quello di alzare un po’ l’asticella del rendimento, seguendo dei criteri che sono sempre quelli della ricerca del gioco e della propositività: volevamo mettere in difficoltà tutti gli avversari, penso che questo obiettivo sia stato ampiamente raggiunto da parte di tutte le squadre. A partire dagli Under 15 che, per età, hanno fatto il passaggio dall’attività di base all’attività agonistica: non è mai semplice, ma nella seconda parte di stagione hanno fatto veramente bene; così come tutte le altre categorie, che hanno sempre ben figurato contro ogni avversario. In alcune categorie abbiamo sfiorato anche i playoff: ma i nostri obiettivi non sono di classifica, ma sono quelli della crescita dei singoli ed il miglioramento individuale inserito in un contesto di squadra.

 

Partiti tra tante difficoltà, alla fine gli Under 17 sono stati protagonisti di un grande campionato: quanto ha inciso la mano di mister Sergio Zanetti?

Gli Under 17 hanno fatto un bel percorso, soprattutto dal punto di vista caratteriale: erano reduci da una stagione complicata e sono cresciuti molto caratterialmente e hanno avuto una svolta. Ma grandi lavori sono stati fatti anche nell’Under 15 con mister Rolfo, negli Under 16 con Alberto Lampo e con la Primavera di Vito Grieco che ha fatto un grandissimo girone di ritorno, vincendo partite contro avversarie che investono molto e hanno qualità superiori alla nostra.

 

Fare nomi non è mai bello, ma c’è qualche giocatore che si è messo particolarmente in mostra?

Come dici, fare nomi non è mai bello. È  vero anche che abbiamo avuto la soddisfazione di vedere alcuni ragazzi partecipare a selezioni nazionali: questo per i ragazzi, per chi li allena e chi li sceglie è una soddisfazione enorme. Sempre senza fare nomi, a inizio anno c’erano ragazzi che non sapevamo se portare avanti o meno, ma con grande voglia, lavoro e dedizione hanno tenuto duro e si sono tolti grandi soddisfazioni: dal rischiare di fare un percorso alternativo, in questo momento sono diventati pedine importanti che vogliamo sicuramente portare avanti con noi.

 

Passiamo a te. Come valuti la tua prima esperienza da responsabile del Settore Giovanile?

Sono contento di questa esperienza. Spesso dico che era meglio giocare, semplicemente perché era più semplice doversi dedicare su un unico obiettivo e potersi sfogare poi in campo per poterlo raggiungere. Nel settore giovanile gli obiettivi sono a lunga scadenza, contano poco gli interessi settimanali di un risultato e della classifica: conta il percorso che i ragazzi devono necessariamente fare e ci sono altre dinamiche cui stare dietro e rendere conto. È molto complicato, ma allo stesso tempo entusiasmante. Ho avuto la fortuna di poter condividere il mio lavoro con riferimenti che mi sono stati di grande aiuto, l’idea è quella di programmare un lavoro che in futuro porti benefici a tutta la Pro Vercelli.

 

Ora un po’ di riposo e poi si tornerà a lavorare: quali sono gli obiettivi per la prossima stagione?

Il primo miglioramento credo sia quello più difficile, ma allo stesso tempo più semplice: la volontà sarebbe quella di alzare ulteriormente questa asticella, sia dal punto di vista della professionalità all’interno del nostro settore giovanile sia dal punto di vista della qualità dei ragazzi con cui andiamo a lavorare. E alzare l’asticella della percezione che gli altri devono avere della Pro Vercelli: quest’anno ci siamo guadagnati il rispetto di tutte le altre società, e questo è stato un bel risultato. Ora dobbiamo confermare questo rispetto e fare meglio, migliorando la qualità dei ragazzi, di chi li allena e dei servizi che una società come la Pro Vercelli necessita. È un passaggio un po’ complicato, ma sono convinto che riusciremo a farlo.

 

Infine, da ex capitano, non posso non chiederti un commento sull’ennesima impresa della Prima squadra.

Ormai è una costante, quest’anno siamo stati più sereni con una settimana d’anticipo rispetto alla fine del campionato. Se guardiamo le squadre che sono retrocesse, questo ci fa capire ulteriormente quanto sia stata importante e difficile questa salvezza. Credo che però ci abbia fatto capire ancora una volta che, oltre alle qualità dei calciatori, le qualità più importanti sono quelle morali di tanti giocatori. Anche in questa stagione, come in passato, ce ne sono stati tre o quattro che nei momenti difficili del campionato sono stati in gradi di pilotare un gruppo di tanti giovani verso un obiettivo per niente semplice da raggiungere.

Tags: , , , , ,




Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Facebook

  • Sondaggio

    Pro Vercelli-Cuneo 0-1: Vota il migliore delle "Bianche Casacche"

    View Results

    Loading ... Loading ...