News Tommaso Nobile (Foto Ivan Benedetto)


Tommaso Nobile (Foto Ivan Benedetto)
Pubblicato il 6 dicembre, 2018 15:00 | by Michele Balossino

0

Pro Vercelli, Nobile in conferenza: “Miglioriamo partita dopo partita”

PRO VERCELLI CONFERENZA STAMPA TOMMASO NOBILE / VERCELLI – Conferenza stampa di metà settimana in casa Pro Vercelli. A prendere la parola a quattro giorni dalla sfida con il Cuneo è stato il portiere Tommaso Nobile: ecco le sue parole.

 

PRO VERCELLI, LA CONFERENZA STAMPA DI TOMMASO NOBILE

Finito il tour de force di cinque partite ravvicinate, ne inizia un altro: cosa ci si aspetta dalle prossime tre gare? Nell’ultimo periodo abbiamo affrontato numerose partite in pochi giorni: abbiamo raccolto molto, siamo stati tutti bravi, sia chi ha giocato sia chi è rimasto in panchina. Adesso inizia un altro tour de force, dobbiamo affrontarlo nel migliore dei modi.

Dal tuo punto di vista personale stai facendo molto bene: ti aspettavi una stagione così positiva? Le aspettative di inizio anno erano quelle di pensare a giocare, senza pensare alla precedente annata. Il mio pensiero era esclusivamente quello di giocare e aiutare la squadra.

L’anno scorso due partite non giocate bene, con Ascoli e Cremonese: i tifosi erano molto critici, ma ora sei tra i migliori per rendimento. Una bella soddisfazione? Essere tra i migliori per rendimento è sicuramente una grande soddisfazione, ma ogni anno fa storia a sé: un anno puoi fare bene ed essere acclamato dai tifosi, un anno puoi andare meno bene ed essere criticato. Ognuno vede le cose a modo suo, quindi accetto serenamente il parere dei tifosi.

Nella scorsa stagione in allenamento davi la sensazione di essere un grande portiere, poi in partita le cose andavano diversamente. Le difficoltà potevano essere psicologiche? Allenamento e partita sono due cose completamente diverse, gli stimoli sono differenti. L’anno scorso non riuscivo a dare il massimo in partita, anche perché il salto dalla Serie C alla Serie B è notevole. Avevo molte responsabilità e i tre punti pesavano molto: ho faticato molto e le tre partite che ho giocato non mi hanno dato una mano a superare le difficoltà.

Quest’anno invece un ottimo avvio, con appena 10 gol subiti in 12 gare: numeri confortanti per un portiere. Aver subito così pochi gol è confortante, ma il merito non è solo mio ma di tutta la squadra. Il reparto difensivo mi fa sentire tranquillo e sereno, miglioriamo di partita in partita. Ci stiamo trovando bene sia con la difesa a tre sia a quattro, anche perché il mister ci mette a nostro agio.

Sei arrivato a Vercelli come uno dei migliori portieri della Serie C: questo campionato che ritrovi è simile a quello che avevi lasciato o è cambiata? Dal mio punto di vista, come ho già detto, ogni stagione fa storia a sé. Quest’anno è il secondo per me in Lega Pro: mi sto trovando meglio, perché riesco a trovare più facilmente i tempi. Inizio a prendere fiducia e a trovarmi meglio in ogni situazione.

Avete conquistato 25 punti in 12 partite: dove può arrivare questa Pro Vercelli? Abbiamo fatto bene fino ad ora: a mio avviso i punti sono giusti, abbiamo sempre dato il massimo e raccolto quanto seminato. Per quanto riguarda le aspettative, ogni settimana andiamo in campo per dare il meglio, poi a fine anno tireremo le somme.

La differenza tra quest’anno e lo scorso forse è che ti arriva meno la palla tra i piedi. L’anno scorso mister Grassadonia chiedeva un gioco più dal basso, mentre quest’anno abbiamo un modo diverso di giocare. Ma se mister Grieco dovesse chiedermi di giocare di più la palla, cercherei di aiutare la squadra senza più fare disastri (ride, ndr.).

Come ti trovi con Degiorgi, uno dei migliori preparatori dei portieri in circolazione? Con Degiorgi mi trovo benissimo, perché sa dove devo migliorare e come allenarmi. Mi piacciono i suoi metodi di lavoro: ogni settimana prepara gli allenamenti in base alla squadra avversaria, è un ottimo allenatore.

Qual è stata, finora, la tua parata più bella in stagione? Secondo me quella contro il Pontedera: la ribattuta e subito dopo il contrasto sui piedi dell’attaccante.

Invece il gol che non ti è andato giù? Il rigore contro l’Alessandria.

Pensi di essere tornato ai livelli di due anni fa? Sinceramente no, perché posso ancora migliorare e dare qualcosa in più.

Tags: , , , , ,




Comments are closed.

Back to Top ↑
  • Facebook

  • Sondaggio

    Pro Vercelli-Cuneo 0-1: Vota il migliore delle "Bianche Casacche"

    View Results

    Loading ... Loading ...